Blogger Template by Blogcrowds

GdC - La coppia che scoppia

Mai, come in questa puntata, la nostra sigla è stata più azzeccata. Si parla di coppie che scoppiano: persone che lasciano, persone che vengono lasciate, persone che soffrono per amore, persone che amano, persone che odiano. Una puntata allegra, insomma. Ammetto di aver scelto io questo tema, forse perché, tutto sommato, mi appartiene. Nonostante il blocco iniziale dovuto ad un improvviso vuoto di memoria, scelgo per gli ascoltatori una canzone che sento particolarmente mia: "Tainted love" dei Soft Cell. Come dice il cantante, non c'è niente che ti possa far soffrire come vedere un amore sgretolarsi senza aver più la possibilità di recuperarlo. E, a quel punto, per quanto sia triste, non hai altra scelta che porvi fine. La trasmissione prosegue e i discorsi di noi Girls sono tutti impuntati sulla domanda: "Due scoppiati possono ritornare assieme?". Matilde e Giorgia rispondono affermativamente, perché le situazioni e le persone cambiano nel tempo. Personalmente sono contraria, in quanto se non ha funzionato la prima volta, non vedo come potrebbe la seconda. Inoltre, come posso fidarmi di una persona che aveva giurato che mai mi avrebbe ferito, quando invece l'ha fatto? Mi sarebbe semplicemente impossibile. O, forse, sono davvero troppo drastica e tutto dipende dalle situazioni e da come ci si è lasciati. Sulle parole della canzone "Quando sarai lontana" di Jovanotti, continuano le nostre riflessioni. "Ma, secondo te, ha senso voler essere pensati così dal proprio ex?" chiedo a Matilde. Mentre le ragazze concordano che sarebbe una bella cosa, io penso che sia inutile e, comunque, difficilmente verrei a saperlo. Si parla di rapporti di amicizia con ex, cosa che non comprendo. A mio parere, non può esistere amicizia laddove c'è stato un qualcosa di più. Credo che il lasciato continuerebbe a coltivare un sentimento di amore misto speranza che non dovrebbe assolutamente esserci, perché questo significherebbe "soffrirci come un cane". Altre riflessioni vengono fatte per "L'ho scritta per te" dei Matrioska, dove il cantante è convinto che la sua amata, prima o poi, tornerà da lui. Sarò cinica ma, uno che la pensa così, è un illuso. Ditemi che senso ha continuare a sperare una cosa del genere! Quando una persona decide di lasciarne un'altra, difficilmente lo fa perché si è svegliata male la mattina. Dietro, ci sono numerose riflessioni e tanta, tantissima sofferenza. E, dopo questa, potete anche darmi dell'insensibile, ma mai potrei comportarmi come la protagonista di "Lovefool" dei Cardigans per due ottimi motivi. Primo: in quanto essere umano ho una dignità (che, fate bene attenzione, non è orgoglio!) e chi me la volesse far calpestare non meriterebbe affatto di essere amato dalla sottoscritta, perché dimostrerebbe di non aver alcun rispetto per me. Secondo: davvero cambierebbe qualcosa se piangessi e supplicassi di essere amata? Dubito che, in questo modo, farei cambiare idea a colui che mi sta lasciando. Anzi, credo che gli renderei le cose molto più difficili e mai vorrei questo. Penso che, in questi casi, sia meglio prenderla di petto e sforzarsi di sorridere anche se, dentro, non si ha più né un cuore, né uno stomaco. In questa puntata, non tralasciamo il gossip e discutiamo sulle ex-coppie famose: da Jennifer Aniston e Brad Pitt ad Arianna e Teseo. Come ogni volta, giunge il momento letterario e, sulle note di Allevi, leggo uno stralcio di "Ex and the city" di Alexandra Heminsley. Dopo tanta serietà, ci vuole un po' di ignoranza, allora introduciamo la canzone d'amore "Zoccola" degli SkaJ, proprio come farebbe il Moro. Quando manca mezz'ora alle 21.00, arriva in studio la Rocksteady Beat Orchestra, che si era persa per Ravenna. Anche la quarta puntata di "Girls don't cry" giunge al termine e, con uno stralcio del film "Come te nessuno mai", salutiamo i nostri ascoltatori. Purtroppo, venerdì non sarò in trasmissione e so già che mi mancherà. Ormai questo secondo lavoro non pagato, come lo chiama una certa persona a cui sono molto legata, mi ha preso di brutto. Recupererò lunedì 14 aprile, con una puntata straordinaria delle Girls Don't Cry che avrà come tema "L'amore". E, sapendo questo, chi mai potrebbe essere l'ospite se non colui che si definisce il "dottore dell'amore"? Ma sì, sto parlando proprio di lui, Titta (detto anche l'uomo strip... spero non si presenti in studio con indosso solo il perizoma...)!

1 commenti:

15 aprile 2008 02:26  

Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

Post più recente Post più vecchio Home page