Blogger Template by Blogcrowds

Rabbia

Vi era un tempo in cui il mondo era popolato solo da buoni sentimenti: Amicizia, Amore e Bontà. Ma un brutto giorno, dalle labbra di Amicizia prese vita Menzogna e Amore ne rimase ferito. Da questo episodio, nacquero i primi sentimenti negativi: Tristezza e Gelosia. Nonostante fossero fratelli, i due si accoppiarono dando luce a Odio. Vedendo ciò che aveva provocato, Amicizia pianse e, una sua lacrima, generò Speranza. Intanto, Amore cercò di fermare Odio, ma la loro forza si equivaleva e nessuno riusciva a prevalere sull'altro. E da questo scontro nacqui io, Rabbia. Mi isolai, poiché non volevo nessun sciocco sentimento accanto a me. Non odiavo Amore, né amavo Odio. Tutto mi era indifferente. Eppure accadde qualcosa che non avevo previsto: Amicizia riuscì a trovare il modo di raggiungermi e di toccarmi il Cuore. Mi addolcì e, quando Amore mi sfiorò, dal mio petto sbocciò Fiducia. Ma ciò che credevo Amicizia si rivelò essere sua figlia Menzogna. Tradita e incredula, ritornai in me e al mio antico splendore. Tuttavia le lacrime e il sangue causato da Menzogna scorrevano ancora in me e da essi generai Dolore e Sofferenza. Scatenai la furia dei miei figli su Amicizia, che non potevo perdonare, e su Amore, che mi aveva ingannato. Tuttavia Bontà, attraverso Fiducia, riusciva ancora ad esercitare il suo potere su di me. Non lo potevo permettere, perciò mi liberai della mia primogenita tramutandola in ciò che più le si addiceva: una bolla di sapone. E se una parte di me avrebbe voluto che Speranza la trovasse per fortificarla, dall'altra desideravo che esplodesse in modo che scomparisse dalla Terra. Approfittando del mio momento di distrazione, Bontà mi baciò e io fui sigillata all'interno di una maschera di Rassegnazione. Sottoforma di quest'ultima, fermai i miei figli, Dolore e Sofferenza, e li richiamai dentro di me. Grazie a Bontà, Amore e Amicizia erano salvi e, gioendo insieme, originarono Felicità. Anch'io mi unì a loro, tuttavia era solo apparenza perché Rabbia pulsava ancora viva dentro di me e, presto, sarebbe fuoriuscita tramutandosi in Vendetta.

2 commenti:

26 novembre 2008 10:28  

Complimenti davvero! questo si è un brivido di verità sentito ;) Un abbraccio a te da Alexa

26 novembre 2008 10:30  

Ti ringrazio infinitamente... Quando scrissi questo pezzo, mi sentivo davvero come Rabbia. Poi, mi sono accorta che non potevo essere come lei, che stavo sbagliando. Ho capito che, nella vita, bisogna perdonare.
Grazie grazie grazie ancora per il supporto!
Un abbraccio e a presto!

Post più recente Post più vecchio Home page