Blogger Template by Blogcrowds

Un equilibrio delicato

Per giorni, mi sono scervellata sul perché una persona si fosse comportata con me in un modo che mai mi sarei aspettata. Oggi, parlando con la mia Coscienza, mi é uscita di bocca la soluzione così spontaneamente che mi è parso di averla sempre saputa. E, questa improvvisa consapevolezza, mi ha demoralizzato. Per quanto io non senta, né veda più questa persona da ormai diverso tempo, mi spiace che pensi sia la causa di qualcosa che non ho mai commesso. Mi spiace che pensi male di me. E so che non me ne dovrebbe più importare niente, però mi dà fastidio. E' più forte di me. Sarà che questa persona mi piace ancora tantissimo, sarà che, nonostante tutto, le voglio ancora molto bene per cui, visto che io non potrei mai pensare male di lei, non vorrei che accadesse il contrario. Allora, per quanto vorrei alzare il ricevitore, chiamarla e dirle come sono andate veramente le cose, mi rendo conto che non posso farlo. E sono questi i momenti in cui mi sento dannatamente impotente e capisco quanto siano difficili, delicati ed effimeri i rapporti con le persone. Basta una parola per distruggere tutto, chiudersi in sé stessi come ricci, non voler ascoltare l'altro e ferirsi a vicenda. A volte, mi chiedo se può esistere una soluzione, un qualcosa che possa fermare questa spirale di egoismo. Ora, mi rendo conto che una risposta a questa domanda c'è. Credo che ci voglia fiducia verso gli altri, volontà di capire e non cedere alla paura. Ma la cosa più importante è saper chiedere scusa, quando si fa un errore e perdonare chi ha sbagliato. Lo devo tener bene a mente.

3 commenti:

25 novembre 2008 19:20  

Felicissimo di aver visitato il tuo blog
complimenti e' stupendo

25 novembre 2008 19:21  

sono io g.panfilio

25 novembre 2008 19:30  

Grazie per il commento e la visita! ^__^

Post più recente Post più vecchio Home page