Blogger Template by Blogcrowds

If I could fly

Non so perché, ma stamattina mi sono svegliata con una vocetta che mi canticchiava in testa "If I could fly" di Joe Satriani. Allora ecco che vi posto questo brano ispirato all'omonimo pezzo...

Se potessi volare, vorrei farlo solo con te.

Quella mattina si era svegliata con questo piccolo pensiero che le svolazzava per la mente come un uccellino impazzito.

Se solo potessi volare...

Erano anni che lo attendeva sperando che, un giorno, si accorgesse di lei.

Guardami...

E odiava se stessa e il suo cuore che sussultava per tutto ciò che lo riguardava.

Povero sciocco! Non ricordi più quanto hai sofferto?

Eppure, per quanto impossibile fosse, più trascorreva del tempo con lui, più voleva stargli accanto.

Non possiamo rimanere così per sempre?

Non riusciva a resistergli perché tutto di lui l'attraeva: la sua voce - le piaceva incredibilmente il modo in cui pronunciava il suo nome... così dolce che, al confronto, una caramella risultava amara - il suo modo d'essere, di pensare così lontano eppur vicino al suo e, infine, i suoi occhi. Quello sguardo furbo e sincero che schermava ogni suo pensiero più intimo.

Cosa darei per sapere cosa ti passa per la testa in questo momento...

Rabbia e frustazione lambivano come fiamme il suo corpo nel non comprendere, dalle sue parole e gesti, ciò che rappresentava per lui.

Stupida, stupida ragazza innamorata!

Scegliendo il silenzio, un inferno di lacrime e tormento la attendeva. E' vero che la strada più facile è quella più dolorosa e, forse, questa era davvero codardia, ma chi avrebbe mai potuto biasimarla? Al suo posto, chi avrebbe mai rischiato di perdere ciò che, faticosamente, aveva riottenuto? Al mondo esistevano numerose forme di amore e, il suo, non era fatto per essere corrisposto. E, in fondo al cuore, anche lei sapeva che era meglio così. Amando si diventa possessivi, egoisti e lei non voleva tramutarsi in un mostro del genere. Poi, non appena riusciva a rimettere i piedi per terra, si accorgeva che, per com'era, non l'avrebbe mai reso felice. Allora, le bastava poter amarlo senza chiedere nulla in cambio, temendo l'arrivo di un giorno che lui l'assicurava non sarebbe mai arrivato. Ma lei sapeva che, prima o poi, sarebbe giunto. Accadeva a tutti.

Che farò? Reagirò? Morirò?

Inconsapevole e sorridente, lui avrebbe spiccato il volo facendole del male. E lei sarebbe rimasta a terra, guardandolo diventare un minuscolo puntino luminoso nel freddo e tetro buio della notte. Immaginando questo, le poche volte in cui avrebbe voluto smettere di pensarlo e rinchiuderlo a chiave in uno dei cassetti del suo cuore, si attaccava ancora più saldamente a quest'inutile sentimento.

Nei miei occhi e nel mio cuore non esisti altro che tu... Prendimi la mano e, insieme, potremmo provare a volare. So che sarà tutt'altro che facile, ma sarebbe bello anche solo poter provare... Sono sicura che sarebbe una sensazione stupenda, non credi?

Queste parole erano il suo regalo per lui. Un regalo che non avrebbe mai ricevuto perché era certa che gli avrebbe fatto solo del male. Allora, pur sapendo che non l'avrebbe mai raggiunta, non le rimaneva che aspettare e l'avrebbe fatto sino alla fine della sua vita.

Se non posso con te, allora non voglio volare...



4 commenti:

18 luglio 2009 12:07  

Are you that girl with wings? , that´s beautiful girl .
.Congratulations for your art and , i hope see u again .
Greetings from Spain!

18 luglio 2009 15:31  

No, I'm not. ;) Thank you for your visit!

25 luglio 2009 03:50  

Tu non sai che giro di siti web h dovuto fare per arrivare al tuo....

Ricordavo bn una grande scrittrice cm poche...



P.s. sn lalù ^_^

27 luglio 2009 09:37  

Ciao Lalù! Ti ringrazio infinitamente!!! Come stai? :D

Post più recente Post più vecchio Home page