Blogger Template by Blogcrowds

Dolce attesa

Se c'è qualcosa che mi piace è l'attesa. Magari il momento in sé è ancora più bello, ma poi trascorre e non ne rimane che il ricordo che, a volte, diventa così annebbiato da sembrare solo un sogno. Invece quanto è bella l'attesa! Crogiolarsi nei pensieri felici, immaginare come sarà e cosa accadrà. La cosa più triste è che, nella vita frenetica di ora, sembra non esserci più spazio per lei. I giorni, tutti uguali da sembrare prodotti ed inscatolati da una fabbrica eppur diversi, vengono occupati da mille impegni e, d'improvviso, ti accorgi che è già arrivato ciò che avresti dovuto aspettare con impazienza. Non puoi fare a meno di arrabbiarti, perché doveva esserci un rito; attendendo dovevi scoprire il prezzo della tua felicità. Vorresti che il tempo rallentasse, che il calendario non raggiungesse mai quella data, invece tutto accelera, mentre le cose da fare si moltiplicano e tu non ti sei ancora preparato decentemente. Questo perché, come dice la Volpe al Piccolo Principe, non si può fare tutto di fretta, ogni cosa ha bisogno di tempo che, purtroppo, è la cosa che più manca oggi. Non so perché, nonostante mi lamenti della mancanza del tempo, sia qui davanti al computer invece di fare ciò che dovrei fare. Forse inizio semplicemente ad essere stanca di andare sempre di fretta come una trottola impazzita. Vorrei che qualcuno mi fermasse, mi guardasse negli occhi e mi dicesse di fare un respiro profondo. Poi, rinfrancata da una nuova energia, potrei cominciare di nuovo a correre.

Magia!

Pensavo non fosse possibile sentirsi così leggeri. Quel che credevo fosse irrealizzabile è accaduto; ogni cosa è ritornata al posto giusto, i pezzi del puzzle hanno trovato il loro incastro e io ho potuto osservare un'immagine che già conoscevo, ma non avevo mai visto. E guardandola attentamente per la prima volta, non posso far a meno di sorridere pensando che ero io quella a non capire, che ero io la prima a non voler credere che ci fosse qualcuno di diverso. Non ricommetterò più lo stesso errore, alzerò la testa, sorriderò e, orgogliosa, mi presenterò per ciò che sono. E questo solo grazie alla tua splendida e unica magia!

Un foglio bianco

Non so che cosa mi sia accaduto. Fino all'altro giorno ero così determinata che avrei scalato le vette più alte del mondo. E adesso? Adesso mi sento perduta. Lei non c'è più e io ho solo il vuoto in testa; un incredibile lunghissimo foglio bianco che mi si staglia contro come un muro invalicabile. La colpa è solo mia, perché sono io ad averla abbandonata quando avevo promesso che mai l'avrei fatto e poco conta se ieri notte, nei miei sogni, non ho fatto altro che cercarla. La mia dolcissima amante permalosa ora fa finta di non sentire il mio disperato pianto, il bisogno che ho di lei. E' la sua ripicca per aver troppo a lungo ignorato i suoi sussurri amorosi e aver dato spazio a pensieri che non mi devono appartenere. Avevo scelto di vivere per lei e l'ho tradita. Ora, davanti a quest'infinito foglio bianco, vorrei solo che fosse al mio fianco per guardarla negli occhi ancora una volta e godere della presunzione di illudermi scrittore per poterla dipingere con parole così meravigliose in modo che tutti, leggendo, possano vedere quanto è bella.

Post più recenti Post più vecchi Home page