Blogger Template by Blogcrowds

Un foglio bianco

Non so che cosa mi sia accaduto. Fino all'altro giorno ero così determinata che avrei scalato le vette più alte del mondo. E adesso? Adesso mi sento perduta. Lei non c'è più e io ho solo il vuoto in testa; un incredibile lunghissimo foglio bianco che mi si staglia contro come un muro invalicabile. La colpa è solo mia, perché sono io ad averla abbandonata quando avevo promesso che mai l'avrei fatto e poco conta se ieri notte, nei miei sogni, non ho fatto altro che cercarla. La mia dolcissima amante permalosa ora fa finta di non sentire il mio disperato pianto, il bisogno che ho di lei. E' la sua ripicca per aver troppo a lungo ignorato i suoi sussurri amorosi e aver dato spazio a pensieri che non mi devono appartenere. Avevo scelto di vivere per lei e l'ho tradita. Ora, davanti a quest'infinito foglio bianco, vorrei solo che fosse al mio fianco per guardarla negli occhi ancora una volta e godere della presunzione di illudermi scrittore per poterla dipingere con parole così meravigliose in modo che tutti, leggendo, possano vedere quanto è bella.

2 commenti:

15 ottobre 2009 16:21  

Laura,
non riesco a capire se la tua lei è una donna o una figura artistica simbolica.. Sei criptica tu o stupida io?

15 ottobre 2009 17:21  

Sono io che scrivo cose prive di senso... °__°
La mia Lei è ciò che mi induce a scrivere, ovvero la mia Ispirazione! E io la amo più di ogni altra cosa al mondo! <3

Post più recente Post più vecchio Home page